laboratorio donnae

Ilva o della responsabilità

– scritto di Pina Nuzzo – 

La storia la conosciamo. Il questi giorni mi trovo a pensare, a rimuginare, sulla responsabilità. E il mio pensiero va oltre l’Ilva. Ripasso mentalmente le infinite occasioni in cui –  noi donne con la passione per la politica –  abbiamo detto e scritto che il livello di civiltà di un paese si misura sulla cura delle  relazioni, sulla manutenzione degli spazi pubblici e privati, sul rispetto dell’ambiente e degli animali.

E mi stupisco di me stessa che mi stupisco perché  quanti  governano, amministrano, hanno un ruolo o una funzione pubblica sembrano non saper valutare fino in fondo le conseguenze di una scelta, di una decisione, di un permesso dato o negato. Conseguenze che hanno un effetto domino.  Considero pure, banalmente,  che il profitto non è riprovevole in sé, ma è delittuoso quando è a scapito della salute. Quando avvelena l’aria che respiriamo.

Si doveva attendere che una giudice, Patrizia Todisco, emettesse un provvedimento di sequestro dell’Ilva e relativi mandati di arresto per cominciare a correre ai ripari? Non si poteva pensare e fare prima?

Certo che si poteva, ma gli interessi individuali – di ogni genere –  prevalgono, perfino sul buon senso e portano a sottovalutare che, anche in una democrazia malandata come la nostra, ci possa essere qualcuno  – qualcuna – che ci pensa. Che si prende la responsabilità di decidere.

 

2 commenti su “Ilva o della responsabilità

  1. Laura De Micheli
    14 agosto 2012

    Certo che si poteva correre ai ripari prima ma nessuno ci ha pensato o ha voluto farlo. Ne’ lo stato, quando era proprietario dell’Italsider, ne i Riva che hanno in seguito acquistato lo stabilimento di Taranto. Controverse le opinioni della gente di sinistra in proposito, molto ‘vetero’ quelle di chi e’ stato ibernato con tutto l’eskimo negli anni ’70 e solo di recente, con tutto l’eskimo, scongelato e si vede ancora impegnato nelle lotte salariali degli operai metalmeccanici. L’Italia e’ cambiata, ci sono molti piu precari e disoccupati che operai metalmeccanici e la siderurgia e’ una rarita’ nel mondo dell’industria e del lavoro. Non si puo’ chiedere di scegliere fra la salute propria, quella di generazioni presenti e future ed un posto di lavoro, si deve poter godere di entrambe le cose. L’odierna tecnologia consente di avere entrambe le cose. Non stupisce che sia stata una donna ad assumersi la responsabilita’ di intervenire finalmente. E adesso godiamoci dli attacchi da ogni fronte e la generale delegittimazione di questa signora competente ma scellerata che non si rende conto di cosa vuol dire privare un un uomo tosto, sporco e puzzolente alla fine di una durissima giornata di lavoro, di uno stipendio da spendere in mignotte e gratta e vinci. Ne’ si rende conto di cosa vuol dire andare a colpire i Riva, dei benefattori, nei loro sacrosanti interessi economici. Cosa vuoi che contino ambiente e salute? Per alcuni la classe operaia va ancora in paradiso e le generazioni future si arrangino. Cosi’ gira il mondo, al contrario. E questa e’ la bella faccia dell’attuale sinistra italiana in mano ai vecchi ancora molto maschilisti e alle vecchie ancora e sempre piegate alla logica macshile.

    Mi piace

  2. laboratorio donnae
    14 agosto 2012

    cercando di capire quello che sta accadendo mi sono imbattuta in questo articolo di Loredana Russo che pubblico:

    L’aspetto più drammatico della vicenda che ha investito la città di Taranto non è la battaglia dei poveri che si sta consumando per le strade del capoluogo, da quando si è diffusa la notizia del sequestro precauzionale dell’area a caldo dell’Ilva. Non è nemmeno il disagio che migliaia di operai stanno procurando ai loro concittadini, minacciando uno sciopero ad oltranza. Nessuno può essere contro gli operai, non foss’altro che, quasi in ogni famiglia di Taranto o della sua provincia, c’è qualcuno che ha – o ha avuto – a che fare con “ ‘u siderurgico”. Nessuno – nemmeno gli operai – può essere contro la tutela della salute: gli operai – i cui figli, malati di leucemia, agonizzano davanti ai loro occhi ogni giorno – costretti a lavorare proprio nel luogo da cui provengono i veleni che uccidono le loro creature, conoscono bene il valore inestimabile della vita, tanto quanto tutte le vittime del cancro che, all’Ilva, non ci hanno mai messo piede. Nessuno può essere contro la tutela del lavoro: a Taranto, gli operai, i pescatori, gli allevatori di mitili, gli artigiani, gli agricoltori, gli impiegati, gli insegnanti, sono sullo stesso fronte. Chi fa passare l’idea che siano avversari, o si sbaglia, o è disonesto.

    L’aspetto più drammatico è l’opinione che gli operai esprimono in merito al lavoro in acciaieria. Non ho mai sentito – anche in questi giorni – un operaio dire di aver scelto il suo lavoro in piena libertà e consapevolezza. Nemmeno mio fratello lo diceva, quando era dipendente Ilva e rientrava a casa carico di fuliggine, mentre mia madre, in silenzio, pregava Iddio che lo licenziassero. Mio fratello parlava, invece, di necessità; dolorosa, ma di necessità. E di situazione di privilegio, rispetto a tanti suoi coetanei, che avrebbero voluto entrare all’Ilva per “sistemarsi” e non avevano avuto la sua stessa “fortuna”. Ecco a cosa ha ridotto la città di Taranto un cinquantennio di industrializzazione forzata e di inquinamento mentale, prima ancora che ambientale: alla dolorosa constatazione che “ ‘u siderurgico” è un male, ma che è necessario. Nessun tarantino lo voleva, nessun giovane tarantino ha mai sognato di lavorare in quello stabilimento, ma ormai c’è, e guai a toccarlo. E perché? Perché è l’unico lavoro fisso in questa città. Punto. Meglio morire dieci anni prima e lavorare, che morire di fame subito. Ecco, come si riduce una città in ginocchio e si rendono schiavi i suoi abitanti, senza aver dichiarato alcuna guerra.

    Il 26 luglio, la magistratura ha avuto la fermezza ed il coraggio che la città aspettava da quarant’anni. La parte mediocre della classe dirigente locale, insieme ai Soloni nazionali, è capace solo di cavalcare l’onda delle proteste degli operai, ai quali viene paventata la minaccia di un futuro senza certezze, per colpa della Procura e di un manipolo di ambientalisti “irresponsabili”. Le domande che, oggi, tutti i tarantini dovrebbero porsi, invece, sono altre. Chi ha voluto l’Italsider a Taranto? Chi ha mai chiesto loro se avrebbero gradito un’industria altamente inquinante alle propaggini della loro città? Chi ha taciuto, quando si consumavano gli scempi ambientali e gli operai morivano sul posto di lavoro? Chi ha pescato nel torbido, elargendo posti di lavoro all’Italsider (poi, Ilva)? Chi ha ignorato il genocidio silenzioso che si consumava nelle famiglie tarantine, costrette a viaggi della speranza, in attesa del miracolo di padre Pio che salvasse dal cancro i loro cari? Chi ha guardato dalla finestra, senza mai rimboccarsi le maniche per programmare alternative di lavoro che non fosse in acciaieria? Oggi, si divide per comandare: operai contro ambientalisti; lavoro contro salute. L’ennesimo demagogico terrore del lastrico. Questa volta, però, non attacca.

    Mio fratello, dopo anni di incertezze, di concorsi mai vinti in loco, di lavori precari, oggi è un uomo realizzato, anche se ha dovuto, con sofferenza, mettere radici a 900 km dai suoi cari. Ha superato un concorso pubblico, con le sue forze, senza “spinte”; guadagna molto di più di quando lavorava all’Ilva e, soprattutto, è immune dai pericoli che lo hanno quotidianamente sfiorato – e, due volte, minacciato – quando era operaio. Se tutti i politici avessero fatto semplicemente il loro dovere – ciò per cui li abbiamo profumatamente pagati in questi decenni – Taranto, oggi, sarebbe un’isola beata, non un inferno in terra. Se c’è qualcuno che dovrebbe farsi un esame di coscienza, sono coloro che hanno sempre “benedetto” – non solo metaforicamente – questo sistema, non gli ambientalisti o la magistratura; coloro che hanno portato 12.000 persone in uno stabilimento che da decenni è in crisi. Neanche sette mesi fa, Il 22 ottobre 2011, sul Corriere del giorno si leggeva: “se il trend [del mercato dell’acciaio ndr] peggiorerà ancora, si aprirà nuovamente la possibilità di ricorrere agli ammortizzatori sociali… Già lo scorso 7 ottobre il Corriere aveva anticipato la possibilità che lo stabilimento ionico nei prossimi mesi potesse fare ricorso alla cassa integrazione e questo scenario, purtroppo, sembra farsi concreto”. Il 5 giugno 2012, su La Repubblica, la stessa solfa: il fermo temporaneo di alcuni settori a causa della crisi del mercato dell’acciaio. Ora che il fermo viene, finalmente, imposto per una motivazione realmente determinante, la salute, scatta la protesta. E mentre noi, fratelli di sventura, litighiamo, il leone ci mangia. Ora, invece, è il momento di essere senza timori, per un futuro senza tumori. E’ il momento di far capire, a chi ci ha manipolato per troppo tempo, che noi un cervello funzionante ce l’abbiamo e che sappiamo individuare cause e responsabilità dello scempio che patiamo. Abbiamo l’opportunità epocale di una rivoluzione culturale. Non possiamo rischiare di perdere il treno che passa: è in ballo la nostra pelle. E la pelle non si svende; casomai, si vende a caro prezzo.

    fonte: sulatesta!

    http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2012/07/ilva-chiusa-un-futuro-senza-tumori.html

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 agosto 2012 da in donne con tag , , , .

Blog Statistiche

  • 127,224 visite

lascia il tuo indirizzo mail se vuoi sapere quando verrà pubblicato un nuovo post o un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: