laboratorio donnae

“non ho vissuto come uno scienziato, ma come un’artista”

153638555-abc89eff-670d-4a71-9bc3-6e4e460f7529Rita Levi Montalcini è andata via: salutiamo la Signora e la Scienziata che ha  attraversato il mondo maschile della ricerca con la naturale eleganza delle grandi donne. La  sua  opera è motivo di orgoglio.

E’ stata anche una donna che guardato concretamente al futuro: ha  sostenuto giovani  ricercatrici e donne in situazioni difficili. Delle africane diceva:  “Sono donne che lottano ogni giorno per l’emancipazione femminile”. Per questo nel 1992 crea insieme alla sorella Paola la Fondazione Montalcini. “Aiutiamo le ragazze del Terzo Mondo a studiare. Perché con la scuola e con l’entusiasmo, il loro futuro sarà migliore”.

Mi piace questa foto di lei così giovane, sorridente e determinata. In fondo non è cambiata molto attraversando un secolo, tragico per molti aspetti. Basta guardarla nelle tante immagini, nelle interviste televisive per provare un’immediata ammirazione. Appare quello che è stata;  una  donna eccezionale che di sé ha detto: “non ho vissuto come uno scienziato, ma come un’artista”.

Pina Nuzzo

2 commenti su ““non ho vissuto come uno scienziato, ma come un’artista”

  1. laboratorio donnae
    31 dicembre 2012

    Rita Levi Montalcini incontra in Israele otto ricercatrici e dialoga sul mondo della ricerca e sul ruolo delle donne. Il colloquio è stato trasmesso in esclusiva mondiale durante Rita101+, la maratona sul web per i suoi 102 anni.

    Mi piace

  2. laboratorio donnae
    31 dicembre 2012

    SCRIVE NERELLA SALA:

    Una madre se n’è andata.
    Non so perché negli ultimi giorni ho pensato a lei, ho anche pensato che forse non stava bene, non avevo alcun motivo razionale per farlo ma l’ho” sentito”, come quando “ senti” che una persona cara sta per lasciarti.
    Quella donna, così minuta eppure così determinata è stata per me un faro, l’ho ri-ascoltata ieri in tarda serata dire a Fabio Fazio : all’età di 3 anni ho deciso che non mi sarei mai sposata perché mio padre mi impedì di acquistare un cappello estivo decorato di rosse ciliegie , allora io pensai che nessuno mi avrebbe più impedito nulla.
    E fu così, nessuno le impedì più nulla, non ci riusi’ di nuovo il padre contrario alla sua iscrizione alla facoltà di medicina, non ci riuscirono i nazisti con le loro leggi razziali, nessun uomo la rinchiuse in gabbia.
    Ha volato libera per un intero secolo, ha donato al mondo importanti scoperte scientifiche,ha lottato per il riscatto delle donne più umili, ha offerto a tutte noi l’esempio di una donna capace di prender in mano per intero il proprio destino.
    L’anno che verrà ci troverà più sole .

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31 dicembre 2012 da in donne con tag , , , .

Blog Statistiche

  • 128,020 visite

lascia il tuo indirizzo mail se vuoi sapere quando verrà pubblicato un nuovo post o un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: