laboratorio donnae

“Emancipata sarai tu!” mentre io…

SOMMARIO

pg. 3 – Emancipata sarai tu!

…emancipazione. Per molto tempo questa parola è stata praticamente bandita dal vocabolario femminista; essere emancipate voleva dire essere omologate. Tuttavia una rilettura del ruolo svolto dal movimento di emancipazione – pensiamo alle leggi in difesa della lavoratrice e della lavoratrice madre – ci permetterebbe di vedere più chiaramente cosa è diventato il lavoro nella vita delle donne di oggi. E capire se ci sono i presupposti per andare verso un superamento del concetto di tutela…

pg. 4 – Federica Castelli – Il lavoro tra desiderio e condizioni materiali…

E’ sempre un po’ drammatico per me cominciare a parlare presentandomi, nominando i miei luoghi, le mie relazioni, il perché penso o credo quel che dico. Questo non per pigrizia, né per una drammaticità insita negli eventi che mi posizionano; semplicemente patisco la definizione, pur temporanea di me, in un’immagine che per quanto articolata mi si presenta per un’istante come immobile, definitoria…

pg. 7 – Tiziana Pittia – Chi sono?

Sono nata in Venezuela, da genitori italiani, emigrati. All’età di 6 anni sono arrivata in Italia e ho iniziato scuola…ho fatto una grande fatica ad ambientarmi. Non capivo perché in classe, i bambini sedevano da una parte e le bambine dall’altra, in chiesa lo stesso…

pg. 9 – Simona Trabucco – Emanciparsi radicandosi

Quando sono stata invitata come relatrice a questo secondo appuntamento di Laboratorio Donnae mi sono chiesta se fossi “preparata”, quale fosse la mia idea di emancipazione, se la parola avesse oggi un senso per me o in generale per tutte le donne, se sentissi mie quelle parole un po’ provocatorie: “Emancipata sarai tu!”…

pg. 11 – Loredana De Vitis – Far passare un filo nella cruna d’un ago

Liberarmi dalla soggezione materiale ha significato per me lavorare. E siccome lavorare mi piace, quella “liberazione” è stata per me anche una liberazione da certi vincoli “morali”. Per esempio, io non credo d’essere/essere stata fortunata: mi sono guadagnata il mio lavoro, mi sono guadagnata tutto quello che ho fatto. Emancipazione per me è anche aver smesso di pensare di dover esser “grata” per quello che ho. Sono grata a me stessa, questo sì…

pg. 13 – Vania Chiurlotto – Appunti archeologici

Cominciai a insegnare a diciannove anni e a frequentare l’università per conto mio. Insomma ero emancipata. All’epoca avrei detto ‘indipendente’, perché solo quando mi irretì l’Udi – anni sessanta – conobbi non solo il termine ma il concetto e la politica di emancipazione. Come questione grande, storica, culturale, politica, collettiva: non si esauriva certo in un banale “essere come gli uomini”…

pg. 14 – Enza Miceli – L’emancipazione non è uguale per tutte

Mi chiedo se l’emancipazione e l’indipendenza economica viaggino su binari paralleli, se avere un proprio conto corrente sia sempre sinonimo di emancipazione. Mi sembra di no: conosco donne che sono economicamente dipendenti e sono capaci di gesti emancipati; conosco donne che hanno fatto carriera nel lavoro e dipendono dai doveri familiari e dal dover essere sociale…

pg. 15 – Elena Tognoni – La mamma mi vorrebbe “sistemata” …

Vorrei chiarire qui che alla base della mia emancipazione da lei (Antonella, riappropriamola del suo nome, questa madre!), non c’è alcun trauma infantile, alcun rapporto spezzato.. siamo sempre sembrate le “classiche” mamma-figlia unite, felici, buona relazione, giusta apertura, l’invidia delle mie amiche per quella mamma moderna .. c’è però l’incomprensione di fondo di una madre che non vuole vedere chi è veramente sua figlia…

Emancipata sarai tu! PDF

solo copertina PDF

 

 

 

Un commento su ““Emancipata sarai tu!” mentre io…

  1. Simona Trabucco
    5 marzo 2013

    Grandioso incontro e altrettando grandioso lavoro di restituzione. Direi che abbiamo materiale di discussione per i prossimi 10 appuntamenti del Laboratorio. Grazie a tutte. Non vedo l’ora di re-incontrarci.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog Statistiche

  • 142,322 visite

lascia il tuo indirizzo mail se vuoi sapere quando verrà pubblicato un nuovo post o un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: