laboratorio donnae

Chi ha paura dei “gatti”?

SUD DE-GENERE

Alla signora Liliana Carbone, maestra elementare a Locri, il 17 settembre 2004 hanno ucciso il figlio. Massimiliano aveva  trent’anni, era incensurato, era titolare di una piccola cooperativa di servizi, aveva una vita “normale” ed è stato colpito a morte da un cecchino che si era appostato dietro il muretto del giardino, in attesa del suo rientro a casa da una partita di calcio.

Massimiliano è stato ucciso nel 2004 e, ad oggi, accanto al suo nome possiamo solo scrivere “nessun colpevole trovato“. Ma la signora Liliana, maestra elementare a Locri, non è rimasta in silenzio e non ha mai smesso di chiedere che l’uccisione del figlio non rimanga impunita, una verità  giudiziaria non c’è. E non ha mai smesso di portare avanti la sua ipotesi, la sua testimonianza e le sue domande ovunque abbia potuto, in occasioni pubbliche ed istituzionali. Questa è la sua battaglia civile, rumorosa e…

View original post 710 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18 ottobre 2014 da in donne.

Blog Statistiche

  • 132,075 visite

lascia il tuo indirizzo mail se vuoi sapere quando verrà pubblicato un nuovo post o un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: