laboratorio donnae

Ecco perché dovevo esserci. Ecco perché non posso esserci.

annarita

di ANNARITA DEL VECCHIO

Io sono una donna di 35 anni e faccio la psicologa, strana per molti visto che non sto mai dietro una scrivania, ma vi assicuro che sul quel foglio di carta (molto elegante) che i miei tengo appeso in una cornice (anche essa molto elegante) nella sala da pranzo, c’è scritto a chiare ed eleganti lettere che nel 2006 sono diventata una psicologa.
Io, oggi, come mestiere incontro gente e faccio cose, perché oggi essere precaria significa anche questo: prendere treni e autobus, farsi conoscere e stringere relazioni, proporre cose e scrivere progetti, aspettare risposte e accettare compromessi, fare il proprio lavoro e attendere finalmente che il tuo lavoro sia pagato.
Io, come tanti altri/e a partita iva o a progetto, con voucher o a chiamata viviamo di continue attese, di laconici “bisogna avere pazienza”, di “tanto prima o poi arrivano”.
Ed è proprio quel “poi” che costruisce le mie attese.
In quel “poi” per me ci sono tante e troppe non-scelte, ci sono tempi sospesi, non ci sono progetti di una certa vita come vorrebbe la ministra, e a volte capita che non possono esserci neanche momenti come quello di Roma del 17/18 settembre.

Io a Roma, per un’Agenda Condivisa, dovevo esserci ma poi ha vinto il “poi”.
Io fisicamente non ci sarò, ma in qualche modo ho deciso di portarvi un pezzetto di me.
Insieme all’affanno del mio tempo e di tutti i desideri sospesi che porto dentro, non voglio perdere quel respiro e quella possibilità che mi da sempre lo stare con donne in uno spazio politico.

Per me, in questo momento sono due i temi fondamentali che occupano la mia vita (sia interna che esterna) il lavoro (precario) e quella che per me è una nuova forma di caporalato (con la complicità di tanti/e molte/i di noi): il badantato.

Questo è, questa sono io qui e ora.

AGENDA CONDIVISA

foto di Annarita dal suo profilo Facebook 

Un commento su “Ecco perché dovevo esserci. Ecco perché non posso esserci.

  1. Simonetta Spinelli
    3 settembre 2016

    Grazie Annarita, ci mancherai, ma la tua forza sensibile ci accompagnerà e sarà un buon auspicio

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 2 settembre 2016 da in donne con tag , .

Blog Statistiche

  • 129,930 visite

lascia il tuo indirizzo mail se vuoi sapere quando verrà pubblicato un nuovo post o un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: