laboratorio donnae

‘tessere parole come fili’

Tessiture Femministe è un progetto politico in divenire, chiaro negli intenti delle donne che si sono “riconosciute tra le parole femministe nel web, incontrate nella realtà.” e lo hanno fondato: Maria Fiore, Maria Grazia Mauti, Paola Mazzei.

E’ accaduto anche a me di  ‘vedere’ queste donne nel web e loro mi hanno ‘vista’, così ci siamo incontrate e  cercato di individuare una pratica femminista, condivisa anche con altre. Questo blog contiene le tracce dei percorsi avviati e mai conclusi. Ma, questi stessi tentativi, sono stati fecondi perché ci siamo conosciute meglio e riconosciuto una visione della politica condivisibile. Seppure non ancora comune.

Per diventare visibili e riconoscibili, oggi, hanno scelto un blog che seguo con interesse, dove ogni articolo è un filo che definisce lo spazio, segna il percorso, nomina i desideri. Segnalo l’ultimo articolo, particolarmente efficace: Corpi di servizio riproduttivo: obbligo e mercato.

Buon lavoro, donne. Pina Nuzzo

 

 

 

 

3 commenti su “‘tessere parole come fili’

  1. mentematerna
    8 Mag 2019

    Molto interessante e condivisibile. Ma:
    1) separatiste sì, ma per forza lesbiche? Ricompaiono divisioni e steccati?
    2) si tratta di un manifesto senza interlocuzione? Si tratta di un blog? Non ho trovato uno spezio di discussione

    "Mi piace"

  2. Tessiture Femministe
    10 Mag 2019

    Ciao Mentematerna

    1) Il manifesto parla di noi, pertanto la frase “separatiste, femministe, lesbiche” è ciò che ci caratterizza come gruppo perchè nomina tutti gli aspetti delle nostre diverse storie, non rappresenta l’esclusività di un percorso bensì l’inclusione dei nostri percorsi.
    Definire il desiderio, individuare ciò da cui si parte, ed indicare una direzione verso cui ci si muove non vuol dire erigere steccati, vuol dire esercitare una chiarezza politica che riteniamo essere alla base di qualsiasi confronto che si muove nella direzione della crescita e creazione di pensiero.
    Tutto ciò rappresenta l’esatto contrario delle divisioni e degli steccati, come si può tessere se non si sa il colore, lo spessore e la materia del filo?

    2) Come puoi vedere è un sito-blog.
    E’ tutto molto in movimento/divenire, si era pensato come spazio di discussione la pagina FB di Tessiture (https://www.facebook.com/TessitureFemministe.pagina), anche perchè è da li che è partita la condivisione degli scritti.
    Ogni cosa scritta è poi stata condivisa nella pagina ed anche diffusa in vari gruppi, proprio per cercare il confronto.
    Ora abbiamo anche inserito i riferimenti nel blog della pagina FB.

    Piace a 1 persona

  3. ○carta di luna●
    9 giugno 2019

    Bellissimo progetto, è prassi femminista partire da se, io anche sono femminista, lesbica e ritengo il separatismo una necessità oggettiva. Brave avete la mia stima.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 3 Mag 2019 da in donne.

Blog Statistiche

  • 157.784 visite

lascia il tuo indirizzo mail se vuoi sapere quando verrà pubblicato un nuovo post o un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: