laboratorio donnae

donne esposte

 

 

Ho firmato la lettera indirizzata al segretario generale delle Nazioni Unite perché le persone prostituite siano incluse nella risposta dell’ONU al COVID-19. Ho condiviso l’iniziativa tramite Resistenza femminista.   Pina Nuzzo

 

Gentilissimo Segretario Generale Guterres,

Noi, le firmatarie, siamo sopravvissute al commercio sessuale, associazioni che offrono sostegno alle donne prostituite, donne e attiviste per i diritti umani, ognuna di noi è impegnata per mettere fine alla tratta e alla prostituzione delle donne e le bambine nei nostri paesi e a livello globale.

Siamo liete degli sforzi fatti per portare all’attenzione pubblica l’impatto che la pandemia da COVID-19 sta avendo sulla vita delle donne e delle ragazze e vi siamo grate per il vostro appello perchè venga affrontata la questione dell’aumento a livello globale della violenza domestica collegata all’isolamento forzato.

Oggi vi scriviamo per assicurarci che anche le vittime di tratta, le donne prostituite e le persone sfruttate sessualmente siano incluse nella risposta che le Nazioni Unite hanno messo in atto nella lotta contro il COVID-19.

La pandemia da COVID-19 sta mettendo a nudo le ineguaglianze socio-economiche globali, il fallimento delle misure di austerità e ha dimostrato chiaramente come le crisi aggravino la condizione di vulnerabilità delle persone svantaggiate. La maggioranza delle persone prostituite, incluse le vittime di tratta e di sfruttamento sessuale, sono donne e ragazze e sono colpite in modo sproporzionato dalla pandemia. Le Nazioni Unite non possono abbandonarle.

Le vite delle persone prostituite sono spesso segnate da ineguaglianze strutturali, violenza sessuale, discriminazione, povertà, sradicamento, razzismo, xenofobia ed emarginazione sistemica – che la pandemia ha messo in luce e amplificato. L’esplosione del COVID 19 sta lasciando le persone prostituite vulnerabili in balia di nuove forme di abuso e dell’aumento della povertà, dal momento che per loro non esiste alcuna rete di protezione. Tutti i giorni ci viene riferito come le donne che si trovano nella prostituzione siano oppresse dal loro disperato bisogno di sopravvivere quando non c’è cibo, nè alcun posto sicuro disponibile dove rifugiarsi o assistenza medica per loro e i loro figli. Vivono in una condizione di aumentato pericolo di essere nuovamente trafficate e sfruttate sessualmente con tutti i rischi fisici e psicologici che mettono a repentaglio le loro vite, compreso il rischio di ammalarsi di COVID-19.

Vogliamo denunciare anche come esistano prove documentate di un incremento dello sfruttamento sessuale in rete di donne e minori, incluso un aumento dell’uso di siti pornografici e altre forme di sfruttamento sessuale tramite il web. Dal momento che gli uomini ricercano in rete opportunità di gratificazione sessuale virtuale, si stanno unendo a predatori e sfruttatori sessuali che già usavano internet per sfruttare e abusare donne e minori su scala globale.

Durante la pandemia da COVID 19 l’anonimato e la sempre crescente permanenza in rete che nella situazione attuale non è monitorata dalle persone comporta che un numero crescente di donne e minori, specialmente ragazze adolescenti, siano vulnerabili all’adescamento, lo sfruttamento sessuale online e l’estorsione di sesso che porta alla tratta.

Il nostro obbligo collettivo di assicurare alle persone vittime di tratta, prostituite e sfruttate sessualmente, che consistono per la stragrande maggioranza dei casi in donne e bambine, siano protette e sostenute in modo adeguato è sia cruciale che urgente.

Chiediamo al vostro organo di istituire un fondo globale per le persone sfruttate nel commercio del sesso per permettere loro l’accesso a servizi completi.  Mentre il Fondo dovrebbe dare una risposta ai bisogni immediati a breve termine di queste persone, dovrebbe anche focalizzarsi sul fornire supporto per l’uscita di coloro che cercano di lasciare i sistemi di sfruttamento sessuale. Questo fondo dovrebbe essere messo a disposizione di tutte le donne che sono detenute a causa di reati collegati alla prostituzione. Infine, il Fondo dovrebbe sostenere gli sforzi delle organizzazioni o delle reti che in linea con le leggi internazionali sui diritti umani cercano di combattere le disuguaglianze strutturali che spingono le donne nella prostituzione piuttosto che rafforzare un sistema dove le donne e le ragazze sono sfruttate.

L’obiettivo del fondo deve essere quello di assistere e risollevare gli esseri umani che vengono comprati e venduti nel commercio sessuale multi miliardario e non di autorizzare ulteriormente chi guadagna sui corpi delle donne e gli sfruttatori che considerano lo sfruttamento sessuale una forma di lavoro. Inoltre vi chiediamo di considerare la lotta allo sfruttamento sessuale online come prioritaria, come parte integrante degli sforzi messi in campo per far fronte all’impatto della pandemia.

Vi ringraziamo per il Vostro impegno nel promuovere i diritti umani delle donne e delle ragazze e rimaniamo a vostra disposizione per discutere ulteriormente sulle questioni che abbiamo sollevato in questa lettera.

Distinti saluti

Resistenza Femminista

Traduzione dall’inglese di Chiara C.

A questo link potete aggiungere la vostra firma.

 

immagine di Ketty La Rocca, 1979

Un commento su “donne esposte

  1. Pingback: #534 – Spiral Red Earth

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14 aprile 2020 da in donne, prostituzione con tag , .

Blog Statistiche

  • 164.699 visite

lascia il tuo indirizzo mail se vuoi sapere quando verrà pubblicato un nuovo post o un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: