laboratorio donnae

Art. 59

Maria Cristina Rizzo

Art. 59 vigente: “È senatore di diritto e a vita, salvo rinunzia, chi è stato Presidente della Repubblica.
Il Presidente della Repubblica può nominare senatori a vita cinque cittadini che hanno illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario”.

Art. 59 modificato: “È senatore di diritto e a vita, salvo rinunzia, chi è stato Presidente della Repubblica. Il Presidente della Repubblica può nominare senatori cittadini che hanno illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario. Tali senatori durano in carica sette anni e non possono essere nuovamente nominati”

La novità dell’art. 59, rimasto immutato per il resto, è che i 5 senatori che il Presidente della Repubblica ha facoltà di nominare durante il suo mandato non saranno più senatori a vita ma dureranno in carica sette anni, tanto quanto dura il mandato del Presidente della Repubblica.
In questo articolo non viene riportato il numero dei senatori nominabili dal Presidente della Repubblica, come nel testo vigente, ma che siano cinque è scritto nel primo comma dell’art. 57.

Sono d’accordo con questa norma perché ritengo che chiunque, senatori compresi, non possano ricoprire una carica sino all’ultimo giorno della propria esistenza.
Aggiungo che mi sarei spinta oltre ed avrei eliminato questo privilegio anche per i Presidenti della Repubblica.

Il mio giudizio su questo singolo articolo è positivo.

torna alla pagina

Blog Statistiche

  • 142,439 visite

lascia il tuo indirizzo mail se vuoi sapere quando verrà pubblicato un nuovo post o un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: