laboratorio donnae

Art. 64

Maria Cristina Rizzo
Per semplificare la lettura proverò a dividere l’articolo nei commi che lo compongono e ad evidenziare le parti che sono rimaste identiche e quelle modificate o aggiunte.

Art. 64 testo vigente:
1^ comma: “Ciascuna Camera adotta il proprio regolamento a maggioranza assoluta dei suoi componenti”

2^ comma “Le sedute sono pubbliche: tuttavia ciascuna delle due Camere e il Parlamento a Camere riunite possono deliberare di adunarsi in seduta segreta”
3^ comma “Le deliberazioni di ciascuna Camera e del Parlamento non sono valide se non è presente la maggioranza dei loro componenti, e se non sono adottate a maggioranza dei presenti, salvo che la Costituzione prescriva una maggioranza speciale”
4^ comma “I membri del Governo, anche se non fanno parte delle Camere, hanno diritto, e se richiesti obbligo, di assistere alle sedute. Devono essere sentiti ogni volta che lo richiedono.”

Art. 64 testo modificato:
1^ comma “Ciascuna Camera adotta il proprio regolamento a maggioranza assoluta dei suoi componenti.” IDENTICO

2^ comma “I regolamenti delle Camere garantiscono i diritti delle minoranze parlamentari. Il regolamento della Camera dei deputati disciplina lo statuto delle opposizioni” AGGIUNTO

3^ comma “Le sedute sono pubbliche: tuttavia ciascuna delle due Camere e il Parlamento a Camere riunite possono deliberare di adunarsi in seduta segreta” IDENTICO (ex secondo comma)

4^ comma “Le deliberazioni di ciascuna Camera e del Parlamento non sono valide se non è presente la maggioranza dei loro componenti, e se non sono adottate a maggioranza dei presenti, salvo che la Costituzione prescriva una maggioranza speciale.” IDENTICO (ex terzo comma)

5^ comma “I membri del Governo hanno diritto, e se richiesti obbligo, di assistere alle sedute delle Camere. Devono essere sentiti ogni volta che lo richiedono.” MODIFICATO (ex 4 comma)

6^ comma “I membri del Parlamento hanno il dovere di partecipare alle sedute dell’Assemblea e ai lavori delle Commissioni” AGGIUNTO.

Considerazioni: con i due commi aggiunti vengono più garantite le minoranze parlamentari e viene introdotto il dovere per i parlamentari di partecipare ai lavori del Parlamento.
In altre parole si potrebbe dire: maggiore tutela per le minoranze e minore possibilità per i parlamentari di essere assenti.
Maggiori diritti per le minoranze parlamentari significa poter esercitare più controllo sull’operato della maggioranza parlamentare e questo giova certamente alla democrazia.
Elevare a dovere di rango costituzionale la partecipazione dei parlamentari alle sedute del Parlamento significa vedere meno aule vuote in Parlamento.

Questo articolo per me va bene.

torna alla pagina

Blog Statistiche

  • 129,930 visite

lascia il tuo indirizzo mail se vuoi sapere quando verrà pubblicato un nuovo post o un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: