laboratorio donnae

nacque da sola

Mary Beth Edelson

di Giusi Ambrosio

nacque da sola in un deserto, in una foresta,
in un mare calmo o in tempesta
partorita dall’acqua, dalla sabbia, dal vento.
Non seppe mai cosa dire di sé
quale bellezza assumere nel tempo
quali abiti indossare
con quali nastri legare i capelli
cosa significasse carezza
e desiderio di cura.
Vide individui estranei
altra specie vivente
anche benevola
anche oscura
incomprensibili corpi
pure con voce suadente
disposti all’ascolto.
Smarrita non seppe
cosa conoscere
come conoscere
negata la nascita
luogo oscuro
in assenza di donna
privata del senso remoto
archetipo antico dell’essere
luogo dell’origine
mistero del corpo fecondo
possibilità del divenire
apertura alla maternità
messa al mondo
di altra vita
inizio dell’infinito.

 

immagine di Mary Beth Edelson

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12 agosto 2016 da in conosciamoci con tag .

Blog Statistiche

  • 132,074 visite

lascia il tuo indirizzo mail se vuoi sapere quando verrà pubblicato un nuovo post o un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: