laboratorio donnae

dedichiamo il prossimo 25 novembre alle donne nigeriane rapite, vendute, uccise

logoa Federica Mogherini

Per contrastare la violenza contro le donne non bastano le leggi e pene più severe. Occorrono cambiamenti culturali. Di azioni politiche in questa direzione ne abbiamo avviate tante perché, come è noto, la violenza più diffusa avviene tra le mura domestiche. Là si misurano i cambiamenti nei rapporti tra i generi.

E poi c’è la tratta. Il 18 ottobre 2012, per la Giornata Europea contro la tratta, Laboratorio Donnae ha promosso una manifestazione “simultanea” in diverse città italiane per testimoniare solidarietà a Micaela, una giovane donna rumena picchiata selvaggiamente e bruciata perché non voleva più prostituirsi.

Ma sono tante le donne tenute in condizioni di schiavitù nel nostro paese.
I loro  corpi  sono venduti e comprati. Martoriati e marchiati a fuoco per diventare merce di scambio. Questa “merce” esiste perché ha un mercato, perché c’è una domanda.
Allora viene da chiedersi: quanti degli uomini che ci sono accanto – mariti, fratelli, figli – ne fanno uso?  Non si può distogliere lo sguardo perché questo ci rende complici di uno dei crimini più diffusi e tollerati dalle “persone per bene” e dalle istituzioni.

Una società non può dirsi civile se non garantisce l’integrità dei corpi. Sia delle donne nate in Italia sia di quelle che qui hanno scelto di vivere. Ma soprattutto delle donne che nel nostro Paese sono portate con la forza o con l’inganno.

Più recentemente, sappiamo di donne rapite in massa e messe in vendita come neanche le bestie. In rete ormai condividiamo a fatica post e link su questi orrori. Ci si sente impotenti. E non vogliamo limitarci a urlare la nostra rabbia. Vorremmo fare della nostra libertà una leva per chiedere a chi ha potere e ruolo politico di prendere posizione.

Per questo chiediamo a Federica Mogherini di raccogliere questa indignazione e farla diventare un fatto politico in Europa.

Dedichiamo il prossimo 25 novembre, Giornata mondiale contro la violenza, alle donne nigeriane rapite, vendute, uccise. Per non dimenticare. Perché non accada più.

Pina Nuzzo

 

PER FIRMARE  CLICCA QUI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 6 novembre 2014 da in donne, violenza con tag , , , .

Blog Statistiche

  • 129,376 visite

lascia il tuo indirizzo mail se vuoi sapere quando verrà pubblicato un nuovo post o un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: