laboratorio donnae

Il corpo non-detto. Il corpo non-visto. Il corpo non-vissuto (2015)

Mary Elisabeth Edelson

Il 13 Giugno il comitato “no 194” ha promosso una manifestazione a Bologna. Su questo blog abbiamo scritto più volte per dire che sull’autodeterminazione non si torna indietro. Continuiamo a farlo con le nostre parole

Se non lo ascolto, allora non parla. Se non lo vedo, allora non esiste e se non esiste non posso viverlo.
Vivere l’esperienza del proprio corpo significa avere la possibilità e la capacità di porsi in ascolto con un corpo che ha memoria, un corpo che parla, un corpo che non mente. Uscire dal meccanicismo e automatizzazione non è cosa facile, l’esperienza del sentire non è cosa da poco.

Abbiamo imparato a vivere in una schizofrenia costante (corpo-mente), perché ce l’hanno insegnato, perché è più comodo, perché pare che sia più facile da controllare (in tutti i sensi). Abbiamo diviso, parcellizzato separato ciò che in realtà è unità indissolubile. Abbiamo deciso, ad un certo punto, che era più comodo pensare rispetto alle singole parti, agire sui singoli organi, curare i singoli sintomi.

Ci siamo dimenticati/e dei nostri corpi e qualcun altro/a ha cominciato a farlo per noi.

Ci portiamo dietro un corpo costruito sulla dimenticanza, ci portiamo dietro un non-senso che spesso ci lancia nel baratro nell’inadeguatezza, lasciando che qualcun altro/a dica e faccia per noi.

Perché vi parlo di questo?

Perché questa è la condizione generale in cui veniamo al mondo e la modalità con cui ci muoviamo nel mondo.

Perché tale condizione diventa ancora più dolorosa e complessa quando si tratta dei corpi delle donne, assumendo i toni di una vera e propria emergenza quando il corpo di una donna diventa crocevia di strumentalizzazioni, ideologie, non-esperienze fatte di parole non-incarnate.

Ed ecco che ti ritrovi a vivere una solitudine disumana, un giudizio atavico, un silenzio assordante.

Questo è quello che sta accadendo oggi rispetto alla 194/78. Questo è quello che si sta verificando nei consultori, negli ospedali, nei luoghi dove si decide.

Annarita Del Vecchio

immagine di Mary Beth Edelson

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 giugno 2015 da in aborto, laboratorio con tag , , , .

Blog Statistiche

  • 128,010 visite

lascia il tuo indirizzo mail se vuoi sapere quando verrà pubblicato un nuovo post o un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: